tramonto-orizzontale.jpg

La mia anoressia

leggerezza dell'essere

 Oggi sono qui, nella mia cameretta e mentre ascolto un po’ di musica, cerco finalmente a mente lucida,  di  guardarmi dentro e fare un resoconto  della mia esperienza riguardo il mio bruttissimo viaggio attraverso il mondo dei disturbi alimentari. 

Il mondo dei disturbi alimentari mi ha sempre affascinato, sin da piccola mi piaceva guardare film, leggere articoli riguardo queste malattie, sono sempre stata affascinata dalle diete e ragazze anoressiche, per me il termine ANORESSICA era il miglior complimento che si potesse fare o ricevere, forse perché quando ho cominciato ad interessarmi a questo mondo, ero una cicciotta bambina ambiziosa e sensibile, che veniva presa continuamente in giro per il suo aspetto e che di soddisfazioni in tutti i campi ne aveva avuti ben pochi, quindi l’anoressia piano piano è  diventato sempre più  un traguardo da raggiungere, un salvagente , un riscatto: 

 

Ho continuato con questi metodi fino al primo anno di università. per me diventare così  magra voleva dire la fine di tutte le prese in giro, voleva dire essere meglio apprezzata dalla gente, era l’unica arma… quindi ovviamente per tutta la adolescenza  sono stata scontenta del mio aspetto fisico, l’ho trascorsa sempre e costantemente seguendo diete su diete tutte equilibratissime, venivo seguita da svariati specialisti, avevo si i risultati, ma non quelli che mi aspettavo davvero, ed ho sempre fatto quello che si dice effetto yo yo..

In questo periodo, con il cambio di stili di vita, mangiando quasi sempre fuori casa, ho modificato  l’alimentazione.. non c’era più pasta per me, il pranzo, quando potevo lo saltavo, ed è in quell’anno che è incominciata la mia dedizione al mondo dello sport, palestra, corsa, bicicletta erano diventati ormai parte di me, lo scopo principale era sudare, faticare, bruciare… immaginate quindi i risultati che ho ottenuto durate questo anno, pesavo sempre meno, cominciavo a piacermi davvero, gli altri me lo facevano notare, la mia autostima aumentava proporzionalmente ad ogni etto perso, la bilancia finalmente mi voleva bene, pesarsi era una soddisfazione enorme e  lo facevo sempre più spesso, i miei obbiettivi si modificavano continuamente, il che voleva dire eliminare altri cibi dalla dieta, ed era arrivato il momento dello zucchero che si era trasformato prima in fruttosio per poi essere eliminato totalmente, bevande gasate solo con aspartame, alcolici assolutamente vietati, non che prima ne facessi tanto uso, ed anche olio, aceto, sale, assolutamente vietati!!!

Il periodo iniziale sicuramente è stato il più bello, poi piano piano ho cominciato a vedere che pur continuando a fare sacrifici rinunce e strazianti ore di sport, i risultati erano sempre meno, non era più come all’inizio, quindi l’autostima è cominciata a calare,  e più ci pensavo più non avevo risultati, e più non avevo risultati, più era un chiodo fisso, quel maledetto numero mi influenzava invadentemente le giornate , e più ero triste, più continuavo a faticare, volevo ancora sentirmi così invincibile, ma il mio corpo, la mia amica bilancia non erano  più  miei alleati, allora ho cominciato a sentirmi frustrata, una nullità, ripensandoci a mente lucida oggi mi rendo conto di quanti momenti felici, viaggi o feste, questi pensieri mi hanno rovinato. Allora ho cominciato a fissarmi su parti del corpo che avrei voluto cambiare  ad ogni costo, mi sentivo malforme, a volte pensavo di avere qualche strana patologia, e allora tanti anni di pianti, vergogna e rinunce per via della mia “malformazione“ fisica.

Guarda a caso, in casa mia prima dell’estate girava una fantastica DIETA PROTEICA che all’epoca seguiva mia mamma, quindi ovviamente ho cominciato a  seguirla con lei, ed è qui che è incominciata la fissa dell’indice glicemico degli alimenti, ed è a partire da questo momento che  ho cominciato a scegliere i cibi, in base, oltre che alle calorie( come sempre) anche ai grammi di carboidrati contenuti all’interno di questi, basti pensare che la frutta e le carote erano diventati lo stravizio del giovedì!! questa dieta mi ha regalato delle soddisfazioni enormi, ero magra come non avrei mai immaginato di essere, indossavo leggins di tutti i tipi e colori stavo benissimo, tutti continuavano a farmi quelli che  chiamavo io complimenti come ad esempio: “ma hai delle gambe invisibili” “ ma dove vuoi arrivare” “sei sempre più magra” “hai il viso troppo scavato” “stai diventando brutta” e quanto mi piacevano questi commenti, ovviamente c’erano anche i pazzi che mi facevano apprezzamenti oggettivamente positivi…

Per me ero fantastica perchè potevo indossare qualsiasi vestito, jeans e maglia attillati li potevo mettere e potevo stare assolutamente tranquilla anche quando passeggiavo o avevo qualcuno alle mie spalle, perché non ero più un mostro, ero normale…. i tubini aderenti come mi stavano bene, al mare non c’era più bisogno di mettersi i pantaloncini, mi sentivo bene, ma ero cosciente di poter fare ancora di più per essere perfetta..

anoressia

Neanche a farlo apposta nello stesso periodo avevo ricevuto una richiesta, di fare da modella per una sfilata, ovviamente le modelle per me sono sempre state dei miti e pur non essendo  una sfilata importantissima  ero felicissima perché ero riuscita a diventare talmente magra da sfilare, appartenevo a quelle persone tanto invidiate da me.

Ovviamente anche questo avvenimento richiedeva una preparazione, quindi richiedeva altro sacrificio altrimenti avrei fatto una figura pessima, l ’attività fisica era  aumentata e la dieta che doveva essere per un periodo limitato era prolungata, e continuavo anche a segnare tutto ciò che mangiavo perché da qualche mese avevo scaricato questa applicazione sul cellulare in cui qualsiasi cosa che ingerivo o masticavo (anche cicche), la inserivo per vedere quante calorie, la percentuale di carboidrati e grassi che assumevo in un giorno e non potevo superare le 1200 ma se erano 800 era meglio, che prigione anche questa!

E’ stato in questo periodo che persino il mio  fidanzato dell’epoca, con cui stavo da sette anni e che avrebbe sempre voluto avere una morosa magra, ha cominciato a dirmi che gli “facevo impressione e che al tatto ero solo ossa”, cosa che mi faceva piacerissimo, persino lui mi aveva detto che ero troppo magra, ero proprio arrivata!!!!

Mi ricordo ancora l’episodio, io ero seduta sul letto con le gambe incrociate che stavo leggendo una cosa, era estate e quindi avevo una canotta  cortina e dei pantaloncini e mi si vedeva un po’  la schiena e lui toccandomi le ultime vertebre sacrali mi disse così, che enorme soddisfazione!!!!

Arrivò dunque il giorno della sfilata e ovviamente per me è  stato un incubo tutti mi guardano, e  io mi sentivo grassa, inadatta,  anche se avevo rifiutato di sfilare in costume, mi sentivo inadatta, anche se il mio peso non aveva mai raggiunto un numero così magnificamente basso… i pantaloni anche i più attillati erano taglia 38 i vestiti le maglie le giacche xs…ero proprio arrivata!!!

In questo periodo avevo una somiglianza più che da ragazza ventitreenne da ragazzina, e anche il mio fisico ha cominciato ad agire di conseguenza, le mestruazioni si erano bloccate e per 9 mesi, nonostante poi col tempo abbia cominciato per vari motivi che poi vedremo a prendere peso, non volevano proprio tornare, hanno deciso di tornare grazie a delle gocce miracolose prescritte dal medico. Il seno non c’era più, non che sia mai stata chissà che cosa, ma proprio era inesistente( il che non mi dispiaceva affatto). A correre non riuscivo più come una volta, i miei 10-11 km, la mia oretta ormai era diventata un utopia, per non parlare delle cene, a cui non potevo mai andare perché se fossi andata avrei perso il controllo.

Parlando con i miei amici  quest’anno a mente lucida allora non avevano una buona considerazione di me, mi consideravano una debole, una con parole loro “fissata” “fuori”, e nonostante tutto continuavo a non vedermi, e andare al mare era ancora un incubo.

La fase peggiore però inizia adesso quando la voglia di mangiare e di abbuffarti sopprime tutto il resto, e quindi non riesci e cedi vai alle cene, mangi tanto anche se ti seti osservata,  oppure mangi poco poi arrivi a casa e mangi, questo comportamento però è arrivato molto tempo dopo. Ancora in questa fase non avevo timore di mangiare in pubblico, perché ancora non ero ingrassata e avevo tutto sommato ancora la situazione sotto controllo poiché riuscivo a compensare in qualche modo: il giorno prima e il giorno dopo pseudodigiuno, sempre accompagnato da  corse o palestra, così riuscivo a sistemare tutto….

Dove ricevo