studi-cognitivi

L’uso del biofeedback per il dolore cronico in psicoterapia cognitiva

studi-cognitiviCorso ECM – Workshop

13-14/09/2014 – Modena – Presso Scuola di Specializzazione in Psicoterapia “Studi Cognitiva”

L’uso del biofeedback per il dolore cronico in terapia cognitiva

PROGRAMMA

Prima giornata

Mattino

  • Il Dolore Cronico
  • Approccio psicologico al dolore cronico:
    • Fisiologia e meccanismi di modulazione del dolore cronico
    • Sensibilizzazione centrale al dolore, allodinia e iperalgesia
    • Terapia cognitivo-comportamentale
    • Mindfulness, Acceptance and Commitment Therapy
    • Psicofisiologia clinica e Biofeedback

Pomeriggio

  • Il Biofeedback
  • Il Profilo psicofisiologico da Stress
  • Il Training della Temperatura cutanea
  • Cenni su Neurofeedback EEG ed emoencefalografico (HEG)
    • Introduzione, ambiti di intervento, efficacia clinica e meccanismi d’azione
    • Presentazione dello strumento e dei sensori
    • Struttura della seduta e del training
    • Prova pratica ed analisi dei risultati
    • Casi clinici esemplificativi
    • Prova pratica in gruppo

Seconda giornata

Mattino

  • Cefalee
    • Le cefalee primarie
    • Fattori psicologici e cefalea
    • Credenze relate al dolore, Catastrofizzazione: la terapia cognitiva.
    • Iperuso di analgesici e cefalea
    • Prova pratica: il Training Elettromiografico (EMG)
  • Assessment e protocolli di intervento biofeedback nelle cefalee primarie
  • Caso clinico cefalea

Pomeriggio

  • Stress
  • Il biofeedback nella gestione di stress e stati d’ansia:
    • Fisiologia dello stress cronico e Carico Allostatico
    • Sistema Nervoso Autonomo, la Teoria Polivagale di S. Porges
    • Stress, emozioni e dolore cronico
    • Training della Conduttanza Cutanea
    • Respirazione diaframmatica e Fisiologia della respirazione
  • Prova pratica: la modulazione degli stati di attivazione
  • La variabilità cardiaca (HRV) come indicatore di balance autonomico
    • Cos’è e come si misura
    • Prova pratica: determinare la frequenza di risonanza
    • Training HRV

occhi

Terapia EMDR

occhiL’EMDR (acronimo di Eye Movement Desensitization and Reprocessing) è una tecnica innovativa che sta rivoluzionando la psicoterapia negli ultimi 30 anni. Si basa sulla scoperta che alcuni tipi di stimolazione alternata destro/sinistra permettono di affrontare disturbi psicologici collegati a eventi di vita emotivamente stressanti o traumatici. Lutti, traumi relazionali, incidenti, violenze, abusi, esperienze di vita particolarmente difficili possono essere elaborate e risolte con un trattamento relativamente veloce e di efficacia provata dagli studi scientifici.

 

Come funziona l’EMDR?

E’ un trattamento standardizzato di tipo psicoterapeutico, non invasivo e privo di effetti collaterali, che prevede diversi passaggi, tra cui quello che più lo distingue è chiamato Desensibilizzazione. In pratica il paziente viene aiutato a tornare mentalmente sulla memoria traumatica (nei suoi vari aspetti visivi, emotivi, cognitivi e somatici) e nel frattempo viene stimolato bilateralmente in modo visivo (seguire con gli occhi il movimento destra/sinistra delle dita del terapeuta, o seguire le luci di una barra luminosa) o tattile (la pressione alternata delle dita del terapeuta sulle mani destra/sinistra del paziente) o uditivo. La stimolazione bilaterale riattiva il processo cerebrale innato di elaborazione delle memorie (AIP), che si era bloccato per via della drammaticità dell’evento originario o per altri motivi.

Per una spiegazione più approfondita del metodo consulta il sito dell’Associazione EMDR Italia.

Qui puoi trovare video divulgativi sulla tecnica EMDR e sul ruolo dei traumi nella salute mentale.

L’EMDR cancella i ricordi negativi?

L’EMDR non cancella i ricordi dolorosi, ma toglie la loro carica emotiva negativa, in modo che non siano più disturbanti, e che possano integrarsi al resto dei ricordi in modo adattivo. Così facendo, questi ricordi traumatici smettono di condizionarci in modo esplicito o inconscio, e possiamo tornare a vivere nel presente, facendo tesoro delle esperienze del passato. L’esperienza traumatica viene poi conservata in memoria in modo da non contenere aspetti e cognizioni negative per il sé (ad esempio senso di colpa ecc).

L’EMDR è efficace?

L’EMDR è stato inizialmente studiato come trattamento per il Disturbo da Stress Post Traumatico, e per questo ha avuto tantissime prove di efficacia e riconoscimenti ed è considerato come metodo Evidence Based (cioè che ha avuto il pieno e completo sostegno della ricerca scientifica). Molte società e organizzazioni internazionali lo considerano come trattamento elettivo per i traumi e i disturbi associati:  American Psychological Association, American Psychiatric Association, International Society for Traumatic Stress Studies, il Ministero della salute e infine l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Inoltre l’EMDR viene usato da migliaia di terapeuti in tutto il mondo come metodo di intervento per problematiche psicologiche al di là dei disturbi traumatici in senso stretto, e molte ricerche hanno dato prove di efficacia in questo senso. Infatti questo metodo agisce non solo sui traumi maggiori, ma anche sui traumi relazionali e sulle esperienze negative dell’età evolutiva, che sono spesso alla base di tante problematiche psicologiche dell’età adulta. La risoluzione di tali memorie traumatiche si riflette in un progressivo miglioramento sui sintomi del presente.

Per avere una lista degli articoli scientifici sull’efficacia dell’EMDR clicca qui, o anche qui o qui.

Letture di approfondimento

“EMDR revolution. Cambiare la propria vita un ricordo alla volta. Una guida per i pazienti” di Tal Croitoru

“Lasciare il passato nel passato. Tecniche di auto-aiuto nell’EMDR”, 2013 di Francine Shapiro

grande_partita

La grande partita

grande_partitaMa Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore,
non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore,
un giocatore lo vedi dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia.   F. De Gregori 

Comincia cosi la mia storia di depressione: una vita felice e piena, una famiglia stupenda, una figlia fantastica, tante attività, poi un incidente che cambia la mia vita… Le conseguenze sono limitate, qualche rinuncia come non poter praticare più gli sport di prima e molte delle attività collegate, ma per il resto sono rimasto senza menomazioni gravi.. Ma per tanti anni (più di dieci…) la mia mente non ha accettato questa mia condizione, e il grande cambiamento rispetto alla vita che facevo prima.

Il tempo passava e dentro di me c’era qualcosa che non tornava, mi chiedevo “Cosa c’è che non va?”, mi analizzavo ogni giorno ed infine realizzai; mi mancava la felicità.

Ero andato molto giù, preso da mille ansie, non mi riconoscevo più e mi controllavo ogni istante con pensieri tipo: “Dove sono le mie emozioni? Perchè non rido più come prima? Non mi fa più effetto niente, perche?!”

Decisi di curarmi anche se non volevo fare uso di farmaci che consideravo “per matti” ma l’ho fatto, ebbi molti effetti collaterali e qualche risultato… ma mancavano ancora le emozioni e i pensieri distorti si accumulavano fino a non riuscire a contenerli… In certe situazioni provavo un grande senso di inadeguatezza, facevo confronti con gli altri e mi sentivo sempre inferiore, l’ansia partiva e le vivevo come una catastrofe,

Fino a che tenacemente mi sono rivolto ad uno psicologo. Inizialmente trovai un mercenario che mi fece due conti in tasca e mi disse che non ero alla sua portata senza preoccuparsi più di tanto del giuramento di Ippocrate, poi dopo un altro tentativo ho deciso di affidarmi a Stefano una persona comprensiva e che è riuscito ad aprire la mia mente e per il quale avrò sempre una stima profonda.

Ho imparato ad accettarmi per quello che sono adesso, che non ha senso confrontarmi con il Roberto di prima, che siamo in continuo cambiamento, che ho perso delle cose, ma ne ho guadagnate molte altre. Anzi, proprio il fatto di perdere qualcosa mi ha portato a non dare più per scontato quello che ho, e mi ha fatto rimettere in moto, mi ha fatto apprezzare tante cose che non pensavo neanche di avere, mi ha fatto investire in altre parti di me. Ora mi guardo avanti e ho ricominciato a “sentire” le emozioni, i brividi per l’abbraccio delle mie figlie, il calore della presenza di mia moglie, il piacere delle tante cose che sono tornate a riempire le mie giornate.

Volevo inoltre dire a chi decide di curarsi, che il percorso non è semplice anzi, e di farvi aiutare anche da un vostro caro perchè arrivano momenti dove si rischia di mollare la spugna, ma ne uscirete consapevoli che avete fatto un percorso che altri non hanno fatto, e che avete imparato a conoscervi meglio, a gestire le vostre emozioni, ricordatevi: non è scontato che gli altri ci riescano.

La grande partita si può vincere ma ci vuole la mente libera… controllare l’emozione… e… andare sul dischetto a tirare quel rigore.

Roberto

nuova vita Martina

Il peso degli altri

nuova vita MartinaIl tuo tempo è limitato quindi non sprecarlo vivendo la vita di qualcun altro. Non essere intrappolato dai dogma, che è come vivere in base alle opinioni degli altri. Non lasciare che il rumore delle opinioni altrui soffochino la tua voce interiore. E, più importante di tutto, abbi sempre il coraggio di seguire il tuo cuore e le tue intuizioni. Loro in qualche modo sanno cosa vuoi veramente. Tutto il resto è secondario. Steve Jobs

Sono Martina, ho 22 anni e ho sofferto di un disturbo del comportamento alimentare (DCA). Non ne sono ancora uscita completamente, ma sento di aver acquisito una maturità diversa rispetto agli altri anni e di aver fatto notevoli passi avanti.

Sono sempre stata molto insicura di me stessa e insoddisfatta del mio corpo, non mi sono mai piaciuta, né mi sentivo a mio agio, e causa di questo in parte è anche la compagnia che frequentavo. Avevo qualche chilo in più e il mio punto fisso erano le gambe (ginocchia in particolare) e il fondo schiena, ma questo era anche dovuto al fatto che non facevo attività fisica e mangiavo male: così mi sono rivolta ad una nutrizionista. Il periodo più “cupo” per me sono stati i primi due anni di università, da lì ho iniziato a non essere regolare col cibo e gradualmente sono entrata in un “tunnel”. Ho un brutto ricordo dell’estate 2013, ero nervosissima e in famiglia erano discussioni continue anche per stupidaggini. Avevo abbandonato il mio gruppo di amici di infanzia e stavo affrontando un cambiamento e una fase nuova per me. Solo oggi riconosco i comportamenti infantili che avevo, ma non li rinnego perché è una fase della vita che deve esserci e che tutti attraversano. Allora pensavo che se fossi stata più magra mi sarei piaciuta e sarei piaciuta agli altri, sarebbero spariti i miei difetti: per raggiungere questo avrei dovuto mangiare sempre meno. Questa semplice associazione mentale è la chiave per entrare nel tunnel dei disturbi alimentari, e una volta dentro ruoti continuamente attorno a questa equazione, è il tuo pensiero fisso ed è difficile uscirne.

Bello= Magro = Non mangiare.

Ho iniziato riducendo le quantità sempre di più e quando vedevo la bilancia calare più del dovuto provavo un senso di soddisfazione e quel chilo in meno mi dava una botta di sicurezza verso gli altri e di autostima. Il mio sentirmi a mio agio socialmente era basato sul peso, perché se calavo mi sentivo più bella, quindi più sicura in mezzo agli altri: era un ragionamento molto infantile. A tratti riconoscevo di sbagliarmi, per esempio a fine pasto mi accorgevo di non aver mangiato a sufficienza, ma mi limitavo a ripetermi “la prossima volta recupero..”: ma la volta successiva continuavo a restringere. Era come se dentro di me combattessero due voci: una mi indirizzava sulla strada giusta, l’altra mi ripeteva “se lo fai ingrassi!”. Vinceva sempre la seconda e ne ero soddisfatta perché avevo resistito alla tentazione di mangiare. Questa cosa è andata avanti fino all’estate del 2014 quando sono andata davvero sottopeso e ho toccato il fondo. Poi da settembre ho cominciato a risalire e di lì ho fatto solo passi in avanti. Ho avuto molta paura, e c’è stato un momento in cui mi sono detta: “Basta! Ho 21 anni, perché devo vivere nella paura? Perché mi devo fare del male da sola? E poi tutto perché ho paura del giudizio degli altri? Io non devo niente a nessuno, devo stare bene, non voglio vivere in funzione degli altri! Ho la fortuna di avere una famiglia, la salute, un cervello con cui studiare cose di alto livello, perché devo buttare all’aria tutto quando invece ci sono persone che hanno problemi che gli impediscono tutto questo e che pagherebbero oro per avere quello che ho io?!?” Così piano piano e con fatica all’inizio, ho ripreso un poco di peso, ma rimanendo ancora un po’ rigida. Oltre alla mia famiglia, quello che mi ha spinto è stata l’università: mi accorsi che rischiavo di rovinarmi con le mie stesse mani per delle stupidaggini da bambina. All’inizio facevo fatica perché guardavo ancora lo “zero virgola” (i cento/cinquanta grammi), ma non rinnego neanche questo perché nella vita i passaggi sono graduali e ora prendo consapevolezza della maturazione fatta da allora. Anche se piano, ho ripreso peso e non sono più tornata indietro. Ora sono cambiate molte cose, e posso dire di aver capito molte cose di me: la perfezione estetica non esiste e non va ricercata. Io davo troppo peso all’esteriorità, ma quello importante è esser sani, belli, sereni dentro, perché se una persona è tranquilla e in pace con se stessa poi lo trasmette anche fuori. Facendo attività fisica le mie gambe si sono tonificate, e comunque ho una certa struttura fisica che accetto e che adesso mi piace molto (non sarò come tante altre, ma ho comunque cose che loro non hanno, e viceversa): vado bene così! Adesso mi piaccio anche dalla pancia in giù e riconosco di avere braccia ancora troppo magre. Sono consapevole poi che vedere una persona scheletrica non è certo bello e si intuisce che ha dei problemi. Ho capito che se non ci si accetta e non si accettano i difetti non si potrà mai stare bene con se stessi; e poi che se ci si valorizza in base a quello che pensano gli altri di noi stessi non si vivrà mai bene. E’ quando iniziamo a piacerci e ad accettarci e a valorizzare le nostre qualità che poi piaceremo agli altri, ma questa deve essere una cosa secondaria, non l’obiettivo.

Io voglio anche riprendermi perché voglio superare questa mia fragilità e diventare una donna, forte, sicura di me: aver vissuto e vinto questa malattia non è una debolezza, anzi mi dà qualcosa in più rispetto agli altri! Quindi la cosa importante che ho imparato è che devo mettere al centro il bene per me stessa, che il giudizio degli altri non conta. E comunque non rinnego neanche questo tunnel, perché la vita non può esser perfetta, ma ci sono dei momenti bui che aiutano a crescere e, ripeto, mi hanno dato qualcosa in più, forse quella sicurezza che prima cercavo col peso. C’è stato un momento in cui non credevo più di poter guarire, pensavo che sarei rimasta con quelle fissazioni mentali per sempre: ero spaventata perché così non è vivere, ma sopravvivere! Però ho visto che la vita ti da sempre la possibilità di riemergere e di andare avanti. Con tutto questo non voglio dire che sono sana, perfetta, una donna di ferro: ho comunque le mie insicurezze, dopotutto sono umana e non un robot, ma ora so gestirle e da quel lato lì mi sento più forte. Non sono totalmente fuori dal DCA, ma ho acquisito una certa educazione alimentare, mangio ad esempio certe cose che fino a qualche mese fa mi proibivo. Prima se aumentavo di 0.5 kg andavo in panico, ora sono molto più elastica da quel punto di vista perché ho capito che noi siamo organici e non dei software, e il peso può variare in delle fasce e a seconda di tante cose, anche dello stato d’animo. Ora sono attenta e non voglio calare e se dovesse succedere rimedio subito, perché non voglio buttare all’aria tutto il lavoro fatto e ritornare in quel tunnel. Sento che posso solo migliorare e guardo al passato con occhio critico.

Ho trascorso l’adolescenza e gli ultimi anni a cercare di compiacere gli altri e a sentirmi inferiore agli altri, svalutandomi e attaccandomi ai miei difetti. Adesso ho capito che tutto questo non ha senso, perché così non si vivrà mai sereni.

(Ho scelto questa immagine perché rappresenta al meglio la vita, l’inizio di una nuova giornata, di una nuova fase di noi stessi e anche nel momento più buio la vita ti dà sempre una possibilità di rialzarti e ricominciare.)

Martina

Farfalla Jessica

Viaggio oltre l’anoressia

Farfalla JessicaQuello che il bruco chiama fine del mondo

il resto del mondo lo chiama farfalla.

Senza cambiamento non ci sarebbero le farfalle.

 

Ho appena compiuto 22 anni e scrivo qui una testimonianza riguardo il mio percorso attraverso l’anoressia, da cui posso dire di essere uscita definitivamente da circa un anno.

Sono sempre stata una ragazza normopeso, circa sui 53 kg e mi sono sempre vista carina e con un bel fisico, finché all’età di 19 anni qualcosa è cambiato.  Tutto è iniziato durante il periodo dell’esame di maturità: tanto studio, lo stress, la paura e l’ansia mi portarono a concentrarmi molto sulla scuola e a lasciar perdere un po il cibo. Mi sembrava normale e, finita la maturità, speravo di riprendermi e godermi le vacanze. Poi però si sono aggiunti altri problemi: un nuovo lavoro e la paura di sbagliare, i litigi col fidanzato e quelli in famiglia, il sentirmi poco considerata dagli altri e il vedermi leggermente ingrassata in vista della dannata “prova costume”. E così, senza accorgermene, mi sono inesorabilmente ammalata: evitavo sempre più spesso di mangiare, rifiutavo di partecipare alle cene in compagnia, mi chiudevo in me stessa e diventavo sempre più nervosa. Mai avrei pensato però di soffrire di una vera e propria malattia, che ogni giorno mi portava a fare dei gesti orribili pur di eliminare quel poco che mangiavo. Essendo anche una ballerina, facevo tanta attività fisica e questo mi aiutava a perdere peso. In pochi mesi ho perso più di 10 kg, vedevo la mia pancia piatta e potevo finalmente indossare tutto quello che volevo: ero contenta ed orgogliosa che l’ago della bilancia continuasse a scendere. La situazione però stava velocemente peggiorando: avevo le ossa sporgenti e avevo perso le curve della mia femminilità. Cercavo di nascondermi da tutto e tutti, per me mangiare era un “suicidio”, avevo il bisogno di vomitare tutto quello che ingoiavo ovunque fossi, persino una caramella o un cappuccino. Ero ossessionata da tutti i cibi e mi studiavo tutte le etichette per capire quali fossero gli alimenti più leggeri. Purtroppo dopo circa un anno sono arrivata a pesare 41.5 kg e non avevo più forze né energie, così i miei genitori hanno iniziato a farmi domande. Erano disperati e mi portarono spesso dal medico di base, ma io non volevo ammettere di essere malata.

Una frase detta da mio padre alla fine di una esibizione di danza mi fece riflettere: “Non ho visto ballare la Jessica, ma un mucchio di ossa!”. Informandosi tramite internet la mia famiglia è venuta a conoscenza della malattia e mi ha portata in una clinica specializzata. Sono così iniziati gli incontri con lo psicologo e ho iniziato un percorso per i disturbi del comportamento alimentare. Questa malattia non si cura in fretta e bisogna prima di tutto accettare di essere malati, cercando di capire che tutto quello che si sta facendo è sbagliato. Io continuavo ad aver paura di ingrassare, ma non potevo più vivere in quelle condizioni. Ho deciso di entrare in terapia per la mia famiglia e per le mie più grandi passioni, gli animali e la danza, e senza di loro non sarei mai uscita da questo inferno. La dottoressa mi ha subito fatto notare i problemi fisici che la malattia mi aveva causato: il battito cardiaco più lento, la pressione bassissima, le mani ed i piedi sempre freddi, la caduta dei capelli, le unghie fragili, i denti macchiati, lo scarso ciclo e l’assenza di ormoni che poteva rendere difficili future gravidanze. I dottori mi hanno dato molta fiducia e io non volevo più deludere chi mi voleva bene, così ho ripreso a mangiare per aumentare peso, finché finalmente dopo circa un anno ho raggiunto il peso obiettivo di 50 kg e sono guarita.

Ora ho ricominciato a vivere, godendomi ogni momento e persino il mangiare è diventato un vero piacere!!! Non voglio dimenticare questa esperienza negativa perché mi ha fatto capire tante cose. Sto concludendo la terapia e sono davvero felice di poter esser qui a raccontare la mia storia. 

Jessica

Pasolini

Il valore degli sconfitti – P.P.Pasolini

PasoliniPenso che sia necessario educare le nuove generazioni al valore della sconfitta.

Alla sua gestione, alla umanità che ne scaturisce.

A costruire un’identità capace di avvertire una comunanza di destino, dove si può fallire e ricominciare senza che il valore e la dignità ne siano intaccati. 

A non divenire uno sgomitatore sociale, a non passare sul corpo degli altri per arrivare primo.

In questo mondo di vincitori volgari e disonesti, di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere, che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo, dell’apparire, del diventare.

A questa antropologia del vincente preferisco di gran lunga chi perde.

E’ un esercizio che mi riesce bene.

E mi riconcilia con il mio sacro poco. 

Pier Paolo Pasolini

Strada del cambiamento

Buttarsi, ad occhi aperti…

Strada del cambiamento

Sono proprio io quella che sta scrivendo, mai e poi mai avrei pensato di ritrovarmi così fragile e vulnerabile e ad avere bisogno di un aiuto.. Sono caduta, la paura mi ha paralizzato, mi sono ritrovata sola e col timore di soccombere perché come in tutte le cose mollare è la soluzione più facile.. 

Tutto inizia, o era già iniziato e non lo sapevo, con una delusione affettiva, non posso dirla amorosa in quanto non c’è mai stata una vera e propria relazione ma solo una conoscenza virtuale che manco a dirlo si è rivelata tutto l’opposto di ciò che sembrava!!

Da lì sono partite a raffica le mie domande interiori:

  •          Perché sono stata così ingenua?
  •          Perché ho trascinato una conoscenza che non mi dava quel che volevo, anzi mi faceva soffrire?
  •           Perché ho creduto così tanto che potesse evolversi in meglio, anche di fronte alla realtà?

Mi sono sentita un fallimento, una perdente, avevo dato fiducia e mi sono ritrovata ad essere presa in giro: nonostante il mio comportamento corretto mi sentivo io quella sbagliata, odiavo me stessa per non essere la persona meravigliosa, intelligente, interessante, sensuale che un uomo può desiderare.. Il mio desiderio di tornare ad amare mi impediva di vedere la realtà..

Ma alla fine devo dire GRAZIE perché proprio in quella difficoltà ho capito che per me era necessario intraprendere un cambiamento. E’ legittimo voler piacere alle persone, ma ci sono delle regole da tenere sempre a mente: mai sminuirsi per nessuno, piuttosto amarsi, accettarsi, capirsi, avere fiducia in se stessi, avere il coraggio di imporsi facendo valere le proprie esigenze… Coloro che non si amano, che non esigono rispetto, alla fine non ricevono NULLA..

I miei pensieri sono stati sempre semplici e puri: FANCIULLA + PRINCIPE= HAPPY END! O perlomeno la mia vita fino a un certo punto si era sempre svolta così, ma poi sono cresciuta, ho visto tante situazioni difficili e ho capito che non ci sono solo principi… e che l’arma migliore per difendersi è AMARE IN PRIMIS SE STESSI.

Accetta le tue sconfitte a testa alta con la grazia di un adulto e non con l’insicurezza di un bambino, pianta il tuo giardino, decora la tua anima invece di aspettare che qualcuno ti porti i fiori e imparerai che sei forte davvero, che vali davvero, non rimpiangere ma impara e vai avanti. Ho capito che lamentarsi non serve a nulla, bisogna muoversi, scrollarsi di dosso la polvere e le paure, far lavorare il cervello e i sentimenti, andare avanti…

Bisogna continuare a buttarsi, ma è fondamentale BUTTARSI AD OCCHI APERTI..

Molti intorno a me fanno famiglia e io che l’ho sempre desiderata sono sola da troppo tempo per i miei gusti.. Non posso dire di essere felice, soddisfatta e appagata dalla mia vita in questo momento, ma ora ho compreso e ho gli strumenti per creare la mia felicità.

ORA IO SONO IN CAMMINO!!

Laura

La mia bulimia

“Chi è bello da vedere è bello e basta. Ma chi è buono sarà subito bello.” –Saffo, Liriche e frammenti

È come un compromesso segreto con la parte più intima di me. Come a dire “Tu puoi aspettare, no, Devi aspettare che da fuori tu sia perfetta. Solo in questo modo varrai davvero.”

Cosa vuol dire affidarsi completamente a dei calcoli? Cosa comporta lo sforzo immane, cieco, per mantenere il controllo? La mia vita risucchiata dalla risacca di un mare di vuote aspettative, le cui ondate salate di senso di colpa continuano a sbattermi contro la sabbia. Così vengo erosa come i cocci di bottiglia ritrovati lungo la battigia, modellati, deformati. Io, dove sono?

Ho sempre saputo cos’era la bulimia, dalla mia prima abbuffata sapevo a cosa andavo incontro. “Dopotutto se con alcuni funziona, perché non dovrebbe anche con me?”

Una facile temporanea scorciatoia per sentirmi Libera di essere Felice. Per poter finalmente abbassare la guardia e smetterla di immaginare di guardarmi dal di fuori, di immaginare il giudizio degli altri ad ogni mia minima mossa. “Quando sarò perfetta sarò spontanea”, mi dicevo.

Ma il mio sistema di controllo si è rivelato fallace, incerto, tremante, una fortezza di carta. Bastava un soffio di insicurezza per farlo crollare. E allora in punta di piedi di soppiatto mi recavo alla dispensa, conoscevo ogni orario, ogni trucco per riuscire ad intrufolarmi e ad abbuffarmi senza che nessun membro della famiglia se ne rendesse conto. Tenerlo segreto mi aiutava a mantenere il problema come una parentesi della mia vita, qualche cosa che se solo mi fossi impegnata di più avrei avuto modo di far scomparire senza che nessuno se ne accorgesse. La mia debolezza era la mia vergogna.

Volevo affannosamente raggiungere me stessa, sacrificando me stessa. Ironico, non è vero?

È il dolorosissimo momento di arrendersi, di lasciar crollare la fortezza di carta una volta per tutte. Il momento di guardarsi allo specchio e riconoscersi, riconoscere anche quella vulnerabilità così odiata, e darle spazio e ascoltarla.

Ho scoperto, essendo accompagnata, e con un’indicibile sorpresa, che il mio unico compito nella vita è quello di rendermi disponibile alla libertà vera, che è fragile, fatta di tentativi, e per questo sempre in ripresa. Ho scoperto insomma, che tutto ciò che mi viene chiesto, di una semplicità devastante, è di avere un cuore grande.

Maria


Heart Rate Variability

Corso Biofeedback Rimini

Dopo il successo del workshop “Il Biofeedback per il dolore cronico in psicoterapia cognitiva” del 13 e 14 settembre 2014 presso la scuola di specializzazione in psicoterapia cognitiva Studi Cognitivi di Modena, sto organizzando un Workshop Applicativo che si terrà a Rimini a novembre 2014 o in primavera, al raggiungimento del numero minimo di iscritti. Heart Rate Variability

Workshop “Il biofeedback per il dolore cronico”  

Piccolo gruppo: 8 persone, per facilitare l’esperienza pratica.

Docente: Dott. Stefano Zucchi

Programma in via di definizione:

  • Il Biofeedback
    • Introduzione, ambiti di intervento, efficacia clinica e meccanismi d’azione
    • Presentazione dello strumento e dei sensori
    • Struttura della seduta e del training
  • Il Profilo psicofisiologico da Stress
    • Prova pratica ed analisi dei risultati
    • Casi clinici esemplificativi
  • Il biofeedback nella gestione di stress e stati di attivazione:
    • Prova pratica: Training della Conduttanza Cutanea
    • Fisiologia della respirazione
    • Prova pratica: Respirazione diaframmatica
  • La variabilità cardiaca (HRV) come indicatore di balance autonomico
    • Cos’è e come si misura
    • Prova pratica: determinare la frequenza di risonanza
    • Training HRV
  • Cefalee
    • Le cefalee primarie
    • Fattori psicologici e cefalea
    • Iperuso di analgesici e cefalea
  • Assessment e protocolli di intervento biofeedback nelle cefalee primarie
    • Prova pratica: il Training Elettromiografico (EMG)
    • Prova pratica in gruppo: Il Training della Temperatura cutanea (T-BFB)
  • Caso clinico cefalea

Per informazioni e costi vai alla pagina “contatti”, in alto a destra.